La Casa di Lia
Biografia

La Casa di LiaFabio Peccol, Giovanni Fera, Claudio Ferrarese si incontrano durante una jam session ai Castelli Romani:subito trovano affinità nel sentir amore per la musicacomune. 

Tutto questo nel 2010. Nel 2011 decidono chefinalmente i tempi sono maturi per presentare i propri pezzial mondo. 
Da quel giorno cominciamo le partecipazioni aifestival nei Castelli Romani e nella Capitale. 
"La festa dellamusica” a Lanuvio, "Frammenti" a Frascati, "marte live unpalco per tutti” a Roma sono alcuni dei festival a cuiabbiamo partecipato.
Nel 2013 stiamo preparando il nostro primo Album mentresul fronte live continuiamo a organizzare concerti e apartecipare a vari contest.Fabio PeccolChitarra e voceGiovanni FeraBassoClaudio FerrareseBatteria

Brani
Il giorno del santo nero
Il fuoco divampa nel cielo notturno e squarcia la terra a metà,
allor che nasceva un'anima nera
con vene che pulsavan già,
la schiava che amava il maestro la fissa e confessa familiarità,
non resta altro che affannarsi al pianto
ma prima di morire ulula...Perdono,
dal sogno si passa con rapido strappo all'abisso e questo si sa,
l'acqua anima l'Averno
bolle sull'inferno bolle sull'inferno,
il santo nero dipinto nel sudario apre il torace a metà,
chi porta luce non dona pace ma logora looogora,perdono,perdono...
il Fior che si scioglieva fornicava morboso al contatto viscoso
penetrava,languido liquido e acido,penetrava.
Fin all'ultimo giorno della vita non puoi essere assistita da una macchina sociale garantita, culturale.
chi fila dritto poi non crepa,non si domanda se esiste,
chi fila dritto poi non crepa,e lentamente appassisce,
chi fila dritto deperisce,e fievolmente si devasta.perdono
Commenti