Metaviola
Biografia

I CANONI INVERSI nascono da un’idea del cantautore Simone Osmari dopo anni passati a suonare con un’altra band e con tutt’altro genere. Simone Osmari, in arte Metaviola ha iniziato questo progetto con lo scopo di poter miscelare le chitarre acustiche suonate in diversi modi con piu’ strumenti acustici come sax, piano e percussioni, inserendo suoni elettronici utilizzando semplici synt analogici e digitali e chitarre suonate con accordature diverse, sia distorte che pulite. Il primo demo autoprodotto ha come titolo CANONI INVERSI -2011- e contiene cinque brani, di cui quattro originali-testi e musiche di Simone Osmari- e una cover dei La Crus. Ai cori c’eà la presenza di Giusi. Nel 2011 il cantante si trasferisce in Inghilterra per fare nuove esperienze musicali. Dal gennaio 2012 iniziano le registrazioni del primo demo, sempre autoprodotto, di Simone Osmari, che uscira’ con il titolo di Icarus. E’ un mini-concept, il suo protagonista simbolico e’ Icaro, che come l’autore Simoe Osmari, ha cercato nella vita di sperimentare e di osare, godendone, ma pagandone tutte le conseguenze. Due brani sono stati ripresi da vecchie registrazioni effettuate in studio quasi otto anni fa. Le registrazioni sono state effettuate in tempi brevi per mancanza di fondi, tra un piccolo studio di Cambridge , Londra -UK- e Roma, con l’aiuto generoso di musicisti inglesi e italiani, tra cui Valerio Galassi, Manuel De Petris, ecc. La copertina del disco e stata studiata da un designer inglese che ha capito il significato dei brani. Le foto fatte durante i live e l’artwork sono di Sonia Stefanelli. Dall’uscita del secondo disco I CANONI INVERSI si sono esibiti in diversi locali della provincia romana e a Roma in diversi festival, tra cui il PREMIO LUCIO DALLA, che ha visto Simone Osmari esibirsi durante la finalissima al Teatro di Bologna dedicato al grande cantautore e arrivare tra i primi dieci con il brano ICARO. Dal vivo i CANONI INVERSI sono Valerio Galassi, batteri e percussini, Fabrizio Fiale, piano, tastiera, synt, Giuliano Alocci, basso, Simone Osmari, voce, chitarra, acustica ritmica, chitarra elettrica ritmica, autore di musica e testi, il rappresentante della band é Simone Osmari e..cerca lavoro…come cantante, autore, musicista, omino delle pulizie…..

Brani
Tu sei un bastardo e anche un traditore tu sei uno spacciatore di mille pubblicità
Musica condivisa
Musica disconnessa
Spedirei la mia fragilità ad un indirizzo nuovo
Per cancellare ancora l’idea che ho dell’amicizia
Ti porterei per le strade
IT’S SO FREE IT’S SO FREE IT’S SO FREE IT’S SO FREE IT’S SO FREE
LA MIA FORZA LA MIA FORZA LA MIA FORZA 
NON HO PADRONE, RICORDALO
Non ditemi oramai che cambieremo perche’ nessuno di sicuro crede più a niente
crede più a niente
Questa nostra società cosi com’e’ più non basta
E allora forse e’ meglio cambiare
Che sparire
Che sparire
La speranza di non rivederti mai più
Sparire
Sparire
Sparire
Se la speranza di essere ancora più di te
E un giorno osservarti dalla luna
Ricordi il vuoto di questa stanza
E la speranza di non rivederti mai più
Se la speranza di essere ancora più di te
E un giorno osservarti dalla luna
Ricordi il vuoto di questa stanza
Occhi di cera che si sciolgono al sole e il rimpianto insieme al rancore
Tenere saldi i nervi che poi perdi dopo ogni bestemmia
Perche qualcuno ci sentaE la rabbia cosi aumenta
Perche’ qualcuno ci senta
Perche’ la rabbia cosi aumenta
Perche’ qualcuno ci senta
SENTO UNA VOCE 
SCUSA MA CON CHI STO PARLANDO,
FORSE NON CON TE FORSE
NON CON TE
MA ALLORA DIMMI ANCORA
QUESTO STRANO DESTINO
CHE MI GUARDA
IO HO NEL CERVELLO L’ILLUSIONE
QUESTE NOTE DI CHE COSA PARLANO
Una storia lunga fra me e te
io ho nel cervello della tempesta teutonica
della decima scala RICHTER
del nono capitolo della ottava pagina
della settima riga
del giro di questo basso
mi ricorda un vissuto presente che io non capisco
ma vorrei capire se io sono intelligente
Commenti