Q-Artet
Biografia

Il gruppo, che ha all’attivo già diverse stagioni concertistiche, nasce da musicisti diplomati, artisti provenienti da una formazione classica, che hanno lavorato con importanti esponenti della musica collaborando con formazioni quali: I Solisti Aquilani, Ensemble Amadeus; e con artisti del calibro di: Rainer Honeck, Giuliano Carmignola, Cristiano Rossi, Rocco Filippini, Don Stapleson, Barend Middelhoff, Enzo Decaro, Iskra Menarini, Fabio Frizzi, Krzysztof Zanussi... Dopo una comune formazione strumentale e dopo anni di perfezionamento nasce la volontà di unire la preparazione classica a nuovi stimoli artistici portati dalla vena compositiva cantautoriale di Matteo Sperandio.

 Il gruppo nasce inizialmente preparando un repertorio che andava dalle serenate di Dvorak e Tchaikovsky alle danze ungheresi di Brahms. 
Dopo i primi concerti, riscontrato il piacere del pubblico nei confronti di una musica così detta "popolare”, arriva l’idea di coniugare a quelle particolari sonorità anche ad un cantautorato moderno originale. 
Gli elementi del gruppo hanno all’attivo, con diverse formazioni, numerose tournèe internazionali: Austraia, Polonia, Turchia, Bulgaria, Romania, Ungheria, Estonia, Vietnam, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Stati Uniti. 
Ha registrato colonne sonore per i film: Un viaggio chiamato amore, Ginostra, La passione di Giovanna d’Arco, I ragazzi della via Pal oltre ad aver musicato spettacoli per l’Accademia d’arte drammatica Silvio d’Amico.Il loro progetto parte dai testi del violinista e cantautore Matteo Sperandio e sperimenta nuovi arrangiamenti utilizzando sonorità classiche in una chiave cantautoriale e originale, proponendo, oltre che canzoni inedite, una ricerca di brani della tradizione musicale europea rivisitati con inserti della tradizione classica. Un fine che il gruppo si propone è quello di voler riportare alla luce un cantautorato "romantico” e un modo di fare musica dai sapori di De Andrè, Tenco, Endrigo… Durante il 2012 hanno vinto il primo premio assoluto al Premio Poggio Bustone e gli è stato conferito anche il primo premio per la miglio cover di Lucio Battisti. Nel 2011 hanno conseguito importanti riconoscimenti.
 Primo posto assoluto al Festival della canzone italiana d’autore di Isernia e il primo premio al prestigioso premio Fabrizio De Andrè con il brano "Sette Vite”. 
Durante tutto l’anno solare 2011 hanno realizzato decine di concerti in tutta Italia e nel 2012 è iniziato il tour con il progetto Ensemble Q-Artet & Iskra Menarini. È del 2011 il loro primo videoclip ufficiale tratto dal brano "l’Amore originale” molto cliccato sul web. Infine hanno auto-prodotto e realizzato il loro primo album "… della gente che non dorme”. 
Il Q-Artet ha inoltre partecipato a manifestazioni e festival quali: Festival Cantautori d'Italia di Alba, Fabrique du Cinemà Roma, Libreria La citè a Firenze, Giffoni Film Festival, Festival della canzone italiana d’autore di Isernia. Inoltre nel 2012 hanno aperto i concerti di: Petra Magoni & Ferruccio Spinetti, Eugenio Bennato. Durante il 2012 continuerà il tour di presentazione del loro primo album, in giro per l'Italia e l'Europa, con date a Roma, Firenze, Albenga, Nizza, Montecarlo, Amburgo, Cambridge.L'organico è formato da Matteo Sperandio piano, voce Matteo Ceccarelli violino Gianluca Pirisi violoncello Simone Pirisi contrabbassoLa decima edizione del "Premio Fabrizio De André - Parlare Musica" si è conclusa con la vittoria nella categoria miglior interprete di Sara Piolanti, mentre il premio per la Canzone d'autore e' andato ex-aequo a NaElia e Matteo Sperandio (nella foto con Dori Ghezzi al momento della premiazione). 
Si sono svolte il 7 e 8 ottobre le due serate finali della decima edizione del "Premio Fabrizio De André - Parlare Musica" a Roma in Piazza De André alla Magliana. 
Al termine della seconda serata sono stati assegnati i premi ai giovani vincitori. La giuria presieduta da Dori Ghezzi ha conferito il riconoscimento per la migliore poesia a Giuseppe Orlandi, mentre nella sezione musicale quello per il migliore interprete è stato vinto dalla giovane Sara Piolanti con il brano "Io ero", premiata da Massimo Cotto. 
A sorpresa, poi, per la prima volta il premio principale per la sezione "Canzone d'autore" è stato assegnato ex-aequo alla catanese NaElia (Eliana Tumminelli) con "Il formicolaio" e al ternano Matteo Sperandio & Q-Artet (con Matteo Sperandio voce-piano-violino, Matteo Ceccarelli violino, Gianluca Pirisi violoncello, Simone Pirisi contrabbasso) con il brano "Settevite", alla vigilia del lancio del loro primo disco "Della gente che non dorme".
Vincitori della VII Edizione 2011 della Canzone Italiana D'Autore di Isernia Matteo Sperandio & Q-Artet con il brano "L'Amore Originale" ISERNIA - Il ternano Sperandio e i suoi musicisti hanno proposto "L’amore originale”, un brano apprezzato dalla giuria sia per il testo che per l’arrangiamento, con un apparato stru¬mentale costituito da violino, pianoforte e contrabbasso."…della gente che non dorme”, il primo album di Matteo Sperandio & Q-ArtetA volte le favole diventano realtà. E la storia di Matteo Sperandio & Q-Artet un pò alle favole effettivamente somiglia. 
Di loro avevamo parlato in occasione del loro accesso alle semifinali di Musicultura 2011, proponendo il loro brano "L’amore originale”, adesso il quartetto ternano torna di nuovo a far parlare di sè. 
In 12 mesi sono passati dai concerti nella piazza cittadina davanti ad un bar alla vittoria, fresca di questi giorni al prestigioso Premio "De Andrè”, a Roma, presso la piazza intitolata al grande cantautore genovese. 
Una vittoria da perfetti outsider, perchè loro non hanno dietro le grandi major e hanno fatto tutto in casa, autoproducendosi l’album "…della gente che non dorme”: nove inediti, fra cui il brano di Musicultura, "Sette vite”, con cui hanno vinto a Roma e "Per votarmi scrivi si", scritta da Sperandio (autore di testi e musiche), insieme a Giancarlo Ingrassia, che la portò nel 2010, sempre a Musicultura. 
Più due bonus tracks: la versione groove di una delle tracce e quella in spagnolo di "Dolce semmai", che in italiano trovate qui. Matteo Sperandio al pianoforte, violino e voce, Matteo Ceccarelli al violino, Gianluca Pirisi al violoncello, Simone Pirisi al contrabbasso.
 Niente batteria, chitarra e strumenti elettrici: "Volevamo fondere insieme le nostre esperienze di musicisti di formazione classica, per dare risalto a strumenti non usuali quando si pensa alla musica contemporanea”, racconta il frontman. 
L’album è il traguardo di una carriera che solo formalmente è partita dodici mesi fa: " In realtà suoniamo tutti insieme da tempo – racconta Matteo Ceccarelli - e gli altri due componenti della band sono anche cugini di Matteo Sperandio. Abbiamo fatto concerti di musica classica in giro per il mondo e un giorno, mentre provavamo Mozart, ci siamo detti: "perché non proviamo ad arrangiare le canzoni che abbiamo”. E così eccoci qua”. 
L’altro lato del "crossover”, che mette insieme arrangiamenti retrò e melodie fresche e cantabili. Testi che parlano d’amore in modo non banale, ma anche delle cose dei giorni nostri, come l’effimera popolarità data dai reality o l’italiano colpito dalla crisi che non rinuncia alla vacanza esotica. 
L’altra faccia della canzone d’autore. Essenziale, quasi minimalista, senza inutili orpelli, dove musica e parole si fondono insieme come a voler avvolgere l’ascoltatore prima ancora di coinvolgerlo. Una produzione totalmente indipendente e volutamente radicata a Terni, la città di origine. 
Il video de "L’amore originale”, che trovate sopra, vede infatti protagonisti due giovani attori della Conca volti noti di film e soap di Rai e Mediaset, Riccardo Leonelli e Camilla Ferranti ed è girato al Lago di Piediluco. 
E adesso, mentre il disco si appresta a sbarcare su I Tunes e nei negozi (ma lo si può avere anche scrivendo a info@q-artet.it), a breve il gruppo sarà protagonista di uno speciale su Rai International che li proietterà oltreconfine. 
Dove hanno già suonato come musicisti di classica e dove adesso vorrebbero provare a fare breccia anche nella loro nuova veste. Emanuele Lombardini

Commenti